True-detective-1x02-7

True detective: i tempi horror del moderno cavaliere

di Massimo Cotugno

Fin dal titolo è posta in evidenza la ricerca di una figura archetipica: il vero detective, l’eroe moderno per eccellenza, colui che ha preso il posto appartenuto ai pistoleri e, prima ancora, ai cavalieri. La serie ideata dallo scrittore e sceneggiatore Nick Pizzolatto sembra voler tornare alle fonti da cui è nato questo eroe della modernità, recuperandone in qualche modo il carattere autentico di medium tra visibile e invisibile.

Articoli Recenti

  • Alta Fedeltà – La Top Five di marzo

    AKR099-Cover

    di Marco Longo

    Terzo appuntamento con la rubrica che vi fa scoprire le cinque uscite discografiche più importanti del mese. A marzo c’è spazio per Modest Mouse, Tobias Jesso Jr, Kendrick Lamar, Sufjan Stevens, Courtney Barnett

  • 1992: decadenza politica e seduzione della nostalgia

    1992-fiction

    di Fabio Disingrini

    Un plot avvincente, un progetto strutturato e una Milano riflessa nella luce opaca delle pellicole d’antan. 1992 – ultimissima serie dedicata a Tangentopoli – fa già discutere tra fedeltà storica, nostalgia pop e regole della fiction.

  • Viaggio nell’America degli adulti-bambini. “Dieci Dicembre” di George Saunders

    Saunders

    di Andrea Pitozzi

    Come nella parabola zen, anche in queste brevi storie il peso è posto alla fine, ma forse “peso” non è la parola giusta, sarebbe meglio dire la leggerezza. I temi sono certamente duri. Nonostante tutto, però, ciò che presenta i toni cupi di una narrazione realistica tende sempre verso un alleggerimento sostanziale.

  • Salvezza e condanna di una “vita agra”. Il Bianciardi di Serino

    bianciardi giamaica

    di Andrea Cirolla

    Non un saggio critico, ma una passeggiata con l’autore e la sua opera: «Luciano Bianciardi. Il precario esistenziale» (ed. Clichy), a cura di G.P. Serino, verrà presentato sabato 21 marzo alla Feltrinelli di via Manzoni a Milano

  • Pezzi di vetro o la traduzione in pezzi  

    mabanckou

    di Chiara Denti

    Il recente ritorno di Verre cassé per le edizioni 66thand2nd nelle librerie italiane, dove lo incontriamo con il nuovo titolo Pezzi di vetro (la prima traduzione italiana, uscita nel 2008 da Morellini, s’intitola Verre cassé) ha rappresentato lo spunto per una riflessione sulle fatiche del (ri)tradurre.

  • Gli inglesi lo fanno meglio – A proposito di Broadchurch e Glue

    Glue

    di Matilde Quarti

    Parlando di serial, ho ormai maturato da parecchio tempo la convinzione che quelli britannici siano migliori. Migliori, senza articolo determinativo davanti.

  • Il postino ha costruito un sogno

    Palazzo Ideale

    di Davide Saini

    Avevo costruito un sogno di Alessandro Trasciatti è un viaggio alla scoperta del Palais Idéal e del suo costruttore: il postino Cheval. Una figura che condensa incredibile forza di volontà e tragedia umana ma che è anche dimostrazione della terribile potenza dell’immaginazione, della meraviglia dell’essere artisti nel vero senso della parola.

  • L’interminabile parola data: intervista a Milo De Angelis

    milo_de_angelis

    di Damiano Sinfonico

    Durata e attimo devono essere vivi e sposarsi. Diventare una sola figura. Il mito nella cronaca, la contingenza in ciò che permane. La luna nei falò. La musica delle sfere nella sirena di un’autoambulanza, un incidente stradale nei rottami di un’intera esistenza, il ragazzo che si buca sulla panchina nella morte che abbiamo sfiorato anche noi, nelle nostre morti segrete…

  • L’insufficiente sublime: Knight of Cups di Terrence Malick

    maxresdefault

    di Niccolò Petruzzelli

    In Rick troviamo echi di Marcello Rubini e Jep Gambardella, ma anche l’apatia degli inquietanti personaggi di Bret Easton Ellis (con i cui romanzi il film condivide ambientazione e, in parte, atmosfere). Tuttavia, al contrario di quanto accade con questi illustri predecessori, in Knight of Cups il miracolo non si compie, e questo personaggio stanco e sconfitto non riesce ad assurgere a convincente modello di antieroe schiacciato dalla vacuità del vivere.

  • Alta fedeltà – La Top Five di febbraio

    FJM_ILoveYouHoneybear

    di Marco Longo

    Secondo appuntamento con la rubrica che vi fa scoprire le cinque uscite discografiche più importanti del mese. A febbraio c’è spazio per Ibeyi, Father John Misty, Bob Dylan, John Carpenter e Duke Garwood.

  • Jack Kerouac non viaggia più. La frenesia adolescenziale nei racconti di James Franco

    MOP-Office-Palo-Alto

    di Matteo Ferrari

    Nel 2010 James Franco si scopre scrittore con In stato di ebbrezza, raccolta di racconti ambientati nella California dorata degli anni 90. Storie di giovani a modo, ricchi e annoiati, spinti alla trasgressione dal desiderio di scoprire il mondo e dall’ansia di doverci vivere.

  • Marco Lodoli, Isole. Chi d’isole ferisce

    Roma

    di Alessandro Montagner

    Il libro è sottotitolato “Guida vagabonda di Roma” e si apre con queste parole: «Scantonare, ecco cosa ci piace fare». L’autore racconta ‘isole’ seminascoste in mezzo al traffico bulimico di roma: un vicolo, una meridiana, una piccola bottega. Pellegrino sulle “road less taken”, Lodoli si rivela prosatore superbo, intagliatore di frasi raffinate e mai prolisse.

  • Per un breve ritratto critico: appunti su Muscetta e Pampaloni

    muscetta at alia

    di Raffaello Palumbo Mosca

    I critici letterari, notava Serra, possono dividersi in due distinte categorie: quella dei «giornalisti» e quella dei «professori»; ovvero: critica militante e critica cattedratica. Dovremmo immediatamente incasellare Geno Pampaloni nella prima categoria, e Carlo Muscetta nella seconda.

  • Birdman o la ricerca dell’aura

    birdman-movie-clip-bring-the-cur

    di Massimo Cotugno

    I supereroi non sono il male, lo è la nostra crescente disattenzione, la nostra atrofizzata capacità di distinguere un lavoro di valore dal semplice intrattenimento.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 689 follower