«Manifesto della cultura e dello sviluppo»: per una costituente della corporazione

di Giacomo Raccis

Il nostro tempo di crisi e di emergenza, egemonizzato da discorsi su spread, PIL e patti di stabilità, si sta rivelando anche un periodo molto fecondo per manifesti e iniziative a sostegno della cultura. Segno che questo settore della società non sta godendo della necessaria attenzione, economica e non solo. Così non poteva mancare l’iniziativa del Sole 24Ore, giornale di Confindustria, che il 19 febbraio, sulla prima pagina dell’inserto «Domenica» (diretto da Armando Massarenti) lancia il proprio manifesto Per una costituente della cultura, sottotitolo “Niente cultura, niente sviluppo”.

Si articola in cinque punti, sintetici e molto chiari fin dai loro titoli: 1. Una costituente per la cultura, primario invito a ricostituire un circolo virtuoso tra cultura e sviluppo sulla scorta dell’articolo 9 della nostra Costituzione; 2. Strategie di lungo periodo, affinché la valorizzazione dei saperi possa guidare il cambiamento; 3. Cooperazione tra i ministeri, per una più profonda e articolata assunzione di responsabilità circa i temi della cultura; 4. L’arte a scuola e cultura scientifica, sul doppio binario della formazione di «cittadini e consumatori» e della ricerca per l’innovazione; 5. Merito, complementarità pubblico-private, sgravi ed equità fiscale, che non necessita di integrazioni esplicative. Il Manifesto fa appello a una tempestiva azione di governo perché, come sottolinea Massarenti il 25 marzo, «Non c’è un minuto da perdere. Il Paese non se lo può permettere». A partire da quel 19 febbraio, ogni settimana il “domenicale” ha dedicato due pagine a una vera e propria campagna promozionale del programma, proponendo interventi a commento, pratiche e iniziative che si muovono lungo i binari tracciati in quei cinque punti, e segnalando le tanto attese «nuove adesioni eccellenti» (con tutto quanto di narcisistico quest’espressione implica). Suggello di credibilità istituzionale, arriva il 24 marzo anche la menzione da parte del Presidente Giorgio Napolitano, in margine al discorso per i vent’anni della Giornata FAI di Primavera.

È certamente ben accetto, anzi è necessario oggi qualsiasi appello a riconsiderare il valore della cultura, nel senso ampio del termine, nella nostra società sempre più chiusa all’orizzonte della soddisfazione delle esigenze primarie. Tuttavia, da un’istituzione giornalistica di rilievo – verrebbe da dire dalla voce ufficiale dell’élite oggi al potere in Italia e nel globo – come il giornale confindustriale ci si poteva francamente aspettare di più. Il manifesto Per una costituente della cultura sembra infatti risplendere in tutta l’inerme e illusionistica genericità dei contenuti: la necessità di riqualificare quei settori del campo culturale che sono in grado di generare sviluppo e, perché no, profitto; la rivendicazione dell’imprescindibile complementarità di cultura umanistica e cultura scientifica; l’importanza del sostegno alla scuola come luogo di trasmissione della nostra eredità storica e civile; il bisogno di un’iniziativa governativa che dall’alto sappia dare nuovo respiro e prospettiva lunga alle iniziative culturali più disparate. È chiaro che questo programma sia condiviso e sia stato sottoscritto da un grande numero di enti, istituzioni, Onlus, associazioni, fondazioni e anche da privati cittadini¸ ma il problema sta proprio lì, nell’assoluta genericità e universalità dei contenuti. Se il secondo termine ben si attaglia agli attributi che devono sostenere ogni battaglia per la cultura, il discorso è decisamente diverso per il primo.

Esemplare è il caso del coinvolgimento dei candidati alle ultime elezioni amministrative in una discussione, invero molto modesta e distaccata, circa l’adottabilità del Manifesto nei programmi elettorali. La proposta è stata favorevolmente accolta da candidati appartenenti a schieramenti opposti, anche nell’ambito di confronti diretti (come testimonia l’articolo del 13 maggio, dedicato al «Manifesto al ballotaggio»). Se è vero che il valore della cultura non deve essere contrattato secondo logiche politiche e non deve subire limitazioni relative a schieramenti ideologici, è vero anche che un tema che si ripropone identico nei programmi elettorali di due candidati avversari smette di ricoprire un ruolo discriminante nella discussione e perde qualsiasi funzione di stimolo a un impegno attivo. Al contrario, rischia di diventare un tributo in qualche modo «disimpegnato» a una questione tanto evocata nei dibattiti civili quanto puntualmente accantonata e disattesa.

Viene il dubbio quindi che l’obiettivo primario, ma velato, di questa iniziativa sia un’operazione di auto-promozione, volta a estendere anche al campo della cultura il peso specifico della «corporazione» schierata dietro al giornale. Lasciano molto a desiderare le tante segnalazioni di attività e iniziative da valorizzare e promuovere, come quella relativa alla Fondazione Palazzo Strozzi e affidata a un personaggio come Lorenzo Bini Smaghi, presidente della fondazione e soprattutto banchiere: ecco che il discorso si popola di cifre sui milioni di euro fatturati e versati all’erario, compaiono nomi come Saatchi and Saatchi, Bank of America, Boston Consulting Group e s’incappa in affermazioni come «di sola cultura non si mangia» o «è necessario il contributo del settore privato, sotto forma di finanziamenti, sponsorizzazioni, sostegno filantropico». Un’idea di cultura davvero particolare, confermata anche per via indiretta da interventi come quello di Massimo Firpo (8 aprile) sui criteri di valutazione della produzione scientifica proposti  dall’anvur, che si conclude con una tirata sul valore ancora non riconosciuto di iniziative promosse da fondazioni bancarie e altri enti privati («se si pensa alla quantità di risorse erogate in tutta Italia dalle Fondazioni bancarie non sarebbe inopportuno proporre che anch’esse venissero valutate per i risultati prodotti, per il rapporto costi-benefici»). E pure le proposte più interessanti e provocatorie, orientate allo stimolo di «buone pratiche» e alla razionalizzazione di risorse e investimenti, come quella di Gianluigi Ricuperati (29 aprile) sulla costituzione di «Paradisi fiscali della conoscenza», rimangono inficiate in una concezione parziale e settaria della produzione culturale: «si parlerà di soldi per potersi permettere di parlare di idee».

Emerge allora con evidenza quello che potrebbe essere l’unico elemento che sbilancia il significato del manifesto, al di là di quella genericità altrimenti riscattabile con la bontà delle intenzioni. «Cultura e ricerca sono due capisaldi della nostra Carta fondamentale. […] Sono temi saldamente intrecciati tra loro. Perché ciò sia chiaro, il discorso deve farsi strettamente economico». Così recita il primo punto programmatico del manifesto: l’oggetto è il contributo economico che la cultura, quando ben declinata e sostenuta, può apportare a una società in piena crisi. Ma è questo l’argomento più valido, lo strumento più efficace che possiamo utilizzare per convincere qualcuno del perché è opportuno finanziare la cultura? È solo il tornaconto economico che orienta le nostre scelte o che le giustifica di fronte a chi non le condivide e le mette in dubbio? È la prospettiva di guadagno l’unico metro di giudizio rimasto valido in una civiltà strozzata dalla crisi?

Ma come si può conteggiare in euro il valore della consapevolezza di un genitore poco istruito che acconsente, e anzi incoraggia, una scelta di alta formazione scolastica del proprio figlio? Come si valuta economicamente la capacità di fronteggiare un’emergenza attraverso un intervento di lunga prospettiva – al posto delle soluzioni palliative tanto di moda oggi, anche nel piccolo contesto – che diventa comportamento diffuso, atteggiamento collettivo? È stimabile in termini monetari la diffusione della cultura del rispetto, dell’apertura al diverso, della curiosità per realtà lontane, sostenuta attraverso una politica di scambi culturali e un aumento delle occasioni di esperienze all’estero così come di presentazione del nostro paese agli «ospiti»? Come si valuta il valore di una biblioteca che chiede soldi al comune per creare occasioni di compartecipazione, di scambio, di conoscenza tra gli abitanti del quartiere, e senza produrre alcun utile?

Certo, hanno sicuramente un peso rilevante anche gli aspetti più pratici e noti, come gli interventi strutturali a sostegno della ricerca tecnologica e della specializzazione scientifica che porterebbero il nostro paese a competere in campo commerciale con tutte le nazioni che sono oggi meta della fuga dei «nostri cervelli». Ma un buon manifesto dovrebbe anche fare in modo di ampliare l’orizzonte del senso comune, non di rispecchiarne le istanze nella loro più banale e generica formalizzazione. Perseverare in un appello alla necessità di pareggiare anche questo bilancio, attraendo «altrettanti “cervelli” dall’estero», significa confermare il valore di feticcio assunto da questa situazione troppo spesso considerata «modello unico», a discapito di una vastissima gamma di contesti e problematiche differenti e più sfaccettate che restano sempre in secondo piano.

La cultura non è solo la ricerca che fornisce le tecnologie necessarie a competere sul mercato. Questa è la punta di un iceberg, molto significativa ma non egemone. La parola cultura ha un valore che estende la propria influenza anche – soprattutto, verrebbe da dire – su chi non appartiene all’élite intellettuale della società, e necessita, magari inconsapevolmente, di qualcosa che faccia evadere oltre le gabbie mentali di una quotidianità stretta tra lavori che non soddisfano e incombenze che si pensa di non poter sopportare. Le «buone pratiche» sono anche quelle che sanno produrre, rendere percepibile questa necessità. E questo, a maggior ragione, in un momento di crisi, in cui si deve (ri)affermare la posizione di voce non contrattabile della cultura nel bilancio di un paese. Non è sottolineandone la rilevanza economica che si rinsaldano le fondamenta del sistema scolastico e culturale, ma al contrario riaffermandone il valore e il potenziale assoluti, al di là di qualsiasi dinamica commerciale o scambistica.



Categorie:Editoriali, Giacomo Raccis

Tag:, , , , , , , , , , , , , ,

8 replies

  1. interessante il tema, che non riguarda solo la cultura. O meglio, riguarda solo la cultura perche’ “se tutto e’ politica” si puo’ anche dire – mi pare – che tutto e’ cultura. Cmq mettiamoci dentro anche i diritti civili e le tutele sanitarie nella cultura. La questione di fondo e’ : e’ legittimo valutare tutte queste attivita’ in una prospettiva economica? E, se si’ (perche’ prospettiva economica vuol dire tutto e infatti non dice niente), lo stiamo facendo nel modo giusto? Insomma, mettere in discussione il modello del pareggio di bilancio, fornendo una alternativa. O la “cultura” fara’ la sua rivoluzione o morira’ di asfissia nei pochi spazi che il modello attuale le lascia. Assieme ai diritti civili e allo stato sociale, e alla Grecia. A la Bastille!

    • Concordo pienamente! Il problema è di doppia natura: da un lato è necessario uscire dalla logica emergenziale da apocalissi domestica e provare a ragionare su un programma di sviluppo, in ogni settore, che sia veramente di lunga durata, che tenga conto delle dinamiche umane e culturali che una scelta pratica è capace di produrre o condizionare sul lungo periodo; dall’altra bisogna provare a introdurre nella discussione pubblica diversi modi di ragionare, confrontarsi non solo sui contenuti possibili del discorso collettivo, ma soprattutto sulle prospettive differenti attraverso le quali si può affrontare un problema (e per restare all’attualità, un movimento come quello di MACAO, pur con tutte le sue contraddizioni, ha provato a farlo…. e non è l’unico).
      Non basta più rielaborare e magari anche contestare i discorsi offertici dalla dialettica politica e sociale: bisogna dare voci a nuovi sguardi, svincolati da una serie di condizioni accessorie della nostra esperienza quotidiana che al momento ci sembrano invece incontrovertibili e necessarie.

      • anamnesi: cominciamo dando una descrizione fenomenologica di cosa e’ effettivamente questa crisi? perche’ io non so se lo ho capito.

  2. Secondo me si crea un problema di prospettiva, nel senso che noi siamo pienamente all’interno di un sistema che non funziona più. E dall’interno appare impossibile capire quali sono i complessivi movimenti. Per questo è così difficile capire in primis la crisi, credo che dovremo prima o poi rimettere in discussione tutto il nostro mondo e la cultura all’interno di esso, in quanto espressione dello stesso. Che c’aveva ragione Marx circa il mondo capitalistico? Oppure riusciremo a passare la crisi e tireremo avanti a suon di colpi di finanza? La cultura deve necessariamente essere operosa, essere espressione del proprio tempo ma anche cercare di dare nuove idee, l’intellettuale deve essere in grado di elaborare la realtà. Oggi invece, anche gli intellettuali più preparati si trovano ad alzare le spalle e a dire che ne so? senza neanche provare a dare un’interpretazione ma dando solo una rappresentazione del casino (a volte nemmeno funzionale).

  3. Questo e’ il blog giusto per tutti coloro che vogliono capire qualcosa su questo argomento. Trovo quasi difficile discutere con te (cosa che io in realta’ vorrei… haha). Avete sicuramente dato nuova vita a un tema di cui si e’ parlato per anni. Grandi cose, semplicemente fantastico!

    • Troppa grazia, Sara!
      Ad ogni modo son questioni che purtroppo non sono state dibattute più di tanto; si è preferito accettare unanimemente la “campagna” del Sole nella sua genericità (per quanto ambigua). Sarebbe al contrario importante rilanciare la discussione…

Trackbacks

  1. Buone presunzioni d’inizio anno | La Balena Bianca
  2. Febbraio: mese delle nuove sfide | La Balena Bianca

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: