La coscienza del gamberone

Pubblichiamo il primo articolo della rubrica di cinema “L’occhio della madre”, che presenterà recensioni di film di ieri e di oggi, secondo una rotta imprevista ed imprevedibile, alla ricerca di una Balena bianca in 35mm, come non l’avete mai vista prima. Per cominciare, astronavi, gamberi ed alieni forse non troppo diversi da noi.

DistrictNine

di Luca Ghirimoldi

Uscito pochi anni fa sugli schermi della Terra, District Nine di Neill Blomkamp è subito assurto al rango dei “casi” cinematografici, infilando nel proprio palmares la candidatura a quattro premi Oscar nonché il Saturn Award 2009 per la categoria Miglior Film Internazionale. Non vogliamo però ripercorrere qui le tappe di un successo meritato, quanto sottolineare alcuni punti lodevoli di questa originale pellicola di fantascienza dal budget ridotto; punti che a nostro avviso vanno ben oltre quelli della scelta di genere alla base del film. La trama è fresca alla memoria dei più: un’astronave aliena grava da tempo sopra Johannesburg e i suoi occupanti – dei crostacei di due metri di altezza chiamati sprezzantemente «gamberoni» – sono stati progressivamente ghettizzati in una sorta di baraccopoli postmoderna, il Distretto Nove. Una multinazionale degli armamenti, la MNU, ha ora deciso di trasferirli da questo regno del caos e del crimine verso un nuovo campo di permanenza temporanea (termine assai inquietante anche per le razze aliene…), a debita distanza dalle proteste della popolazione urbana. Operazione improba, e perciò affidata al genero del gran capo della MNU, tale Wikus van de Merwe, classico “uomo qualunque”, sprovveduto ma onesto, ovviamente coinvolto a sua insaputa in un gioco ben più grande di lui. Wikus applica alla lettera il compito fino a che un banale incidente durante lo sloggiamento delle creature aliene contamina il suo DNA, dando il via ad una mutazione progressiva che rischia di trasformarlo in uno dei tanto disprezzati gamberi. Il nostro protagonista diventa merce alquanto appetibile per la MNU, dato che sembra essere l’unico a saper maneggiare il potentissimo arsenale degli sgraditi ospiti; al tempo stesso però, egli gradirebbe aver salva la pelle, e quindi fugge dai suoi ex-datori di lavoro per chiedere aiuto all’alieno Christopher, che ha architettato in segreto un piano di fuga per sé, per la famiglia e per l’intera stirpe dell’altro mondo.

Vicenda assai insolita, insomma, nel suo rifiuto esplicito degli ingredienti mirabolanti e stupefacenti con cui abitualmente si rimpinguano le trame fantascientifiche: qui gli alieni vengono trattati quasi alla stregua di clandestini, di paria vagabondi della Via Lattea. Calati sulla Terra nel lontano 1982, sono costretti da vent’anni sul nostro pianeta, perché la loro decrepita astronave in avaria non può ripartire. Essi non sono affatto ambasciatori della più tipica superiorità tecnologico-culturale delle razze degli altri mondi: si abbandonano piuttosto ad atti di banale vandalismo urbano, mostrando pure una spiccata preferenza per il cibo per gatti industrialmente confezionato. Da un lato questa alterità muove in direzione del comico; e si vedano a proposito alcune esilaranti scene da slapstick comedy durante l’evacuazione forzata condotta dalla MNU; ma dall’altro lato, questo modo di rappresentare gli alieni ha pure a che fare con il messaggio “etico” che District Nine vorrebbe suggerire allo spettatore.

Dei “gamberoni” non colpiscono tanto le fattezze di crostaceo, né il linguaggio apparentemente incomprensibile; fa piuttosto da muro divisorio, tanto fisico quanto valoriale, l’intima natura di “diversi”, e quindi di pregiudizialmente pericolosi. Innovative sono anche certe scelte tecniche e narrative, da cui certo dipende il ritmo veloce ed accelerato di tutta la pellicola. Che infatti ha le fattezze di un lungo reportage ex post su ciò che è stato di Wikus, ingranaggio del sistema perverso della MNU; al racconto “obiettivo” della cronaca si alternano però spezzoni in tempo reale, che seguono da presso il tentativo di ribellione del protagonista e del neo-alleato Christopher.

Le tecniche del mockumentary ricompongono provvisoriamente brandelli di una storia fittizia in un ‘documento’ forse più autentico della realtà stessa; le frammentarie interviste a colleghi, amici e familiari del protagonista, l’uso di materiale di repertorio secretato dalla multinazionale, le riprese dagli elicotteri o con la camera a mano durante i tumulti del Distretto Nove creano così un singolare «effetto presenza», sull’onda della mimesi del linguaggio televisivo. La sensazione è quella di assistere ad una cronaca embedded dalla linea di un fronte sconosciuto, ma assai vicino a noi, e per questo sottilmente inquietante.

Finzione esplicita e simulazione di realtà si mischiano in un nesso più stringente ed ambiguo che in altri filoni del genere: non ritroviamo, in District Nine, né le utopie rassicuranti di un futuro migliore né le tinte fosche e cupe del diluvio che ci attende. Piuttosto, Neill Blomkamp e Terri Tatchell sviluppano con intelligenza e rigore alcuni assunti basilari della fantascienza. L’ambientazione cronologica ci avvisa sottotraccia che non è del futuro dell’umanità che si parla, ma del presente in cui noi tutti siamo più coinvolti; di più, le tematiche profonde del film – il razzismo e l’odio del diverso, la spirale onnivora del potere burocratico, il senso e il significato delle scelte etiche cui siamo chiamati – suscitano domande cui non sempre si può dare risposta esaustiva e completa. Wikus e Christopher inseguono entrambi un tornaconto personale, che spesso collide con i desideri di salvezza palingenetica e di bene collettivo: sia questo la ricerca di una cura che riporti alla vita di tutti i giorni o la speranza di una fuga che riconduca al pianeta natio. Eppure, non viene affatto esaltata la morale dell’homo homini lupus (o del cancer cancri lupus, per dirla con un “gamberone”): la necessità della lotta contro un sistema sofficemente oppressivo, che reclude ed esclude patinandosi di legalità, unisce a filo doppio le scelte dell’uno alle conseguenze per l’altro, come i due protagonisti a poco a poco arrivano a comprendere.

Il finale è giustamente “sospeso”, come in attesa di una redenzione che non si sa se verrà; il contesto alieno ed alterato in cui lasciamo i nostri due eroi spiega, una volta ancora, che il valore della diversità è più un conflitto potenzialmente fecondo che un dato di certezza incontrovertibile e pacifico.

District Nine (Usa/Nuova Zelanda, 2009), 112 min., di Neill Blomkamp, con Sharlto Copley, Jason Cope, David James, Vanessa Haywood.



Categorie:L'occhio della madre, Luca Ghirimoldi

Tag:

7 replies

  1. “Ingredienti mirabolanti e stupefacenti con cui abitualmente si rimpinguano le trame fantascientifiche” = NO. Star Wars = azione ambientata nel futuro. Fantascienza = La cosa

    “Da un lato questa alterità muove in direzione del comico; e si vedano a proposito esilaranti scene da slapstick comedy” = NO.

    “Sull’onda della mimesi del linguaggio televisivo” = NO. Il 99% del materiale televisivo è in dolly o coi bracci.

    “Embedded” = NO. http://en.wikipedia.org/wiki/Embedded_journalism

    “spirale onnivora del potere burocratico” = Eh?

    • Ciao Alberto,
      grazie per i tuoi categorici commenti; provo a spiegarmi meglio:

      – Alludevo al “rifiuto esplicito degli ingredienti mirabolanti e stupefacenti con cui abitualmente si rimpinguano le trame fantascientifiche” proprio per sottolineare (a mio parzialissimo modo di vedere, si intende) l’originalità di “District Nine” rispetto ai canoni della fantascienza. I film che tu citi non mi sembra invalidino questa affermazione, semplicemente perché (soprattutto nel caso de “La cosa”) non costituiscono la norma di riferimento, ma l’eccezione alla regola.

      – Slapstick comedy: pensavo, forse un po’ superficialmente, alla scena dell’ingresso della MNU nel ghetto, e alle reazioni, talvolta quasi istrioniche, degli alieni-gamberoni. E del comico nel film c’è di sicuro. Era comunque più un parere personale che una definizione rigorosa; aspetto le argomentazioni al tuo “NO” per rispondere in maniera più circostanziata.

      – Qui preciso: non mi riferivo – errore mio nel non averlo esplicitato nell’articolo – tanto alle modalità tecniche (su cui non avrei titoli in merito) quanto all’effetto che mi era sembrato che Blomkamp volesse riprodurre: quello di una “cronaca” spuria di una sommossa ripresa dall’occhio (o dagli occhi) di teleoperatori, video di sorveglianza, semplici telecamere ecc. ecc. Ripeto, sono stato poco chiaro e/o poco tecnico.

      – Embedded: questo passaggio dipende dal precedente. Non mi riferivo (grazie per il link) alla vera e propria professione del giornalista “embedded”, quanto al fatto che tutta la pellicola (o almeno buona parte di essa, quella appunto realizzata con tecniche da “linguaggio televisivo” in senso lato) restituisca (almeno a me) l’idea della cronaca a stretto contatto con le truppe della MNU o con i gamberoni. Anche questo passaggio – probabilmente – è rimasto un po’ alluso, e poco spiegato.

      – “spirale onnivora del potere burocratico”: provando a spiegarmi meglio (se è questo che chiedeva il tuo commento), mi pare che uno dei temi del film sia il potere sempre più invasivo di stati e corporazioni, che arriva a fagocitare qualsiasi cosa (cfr. lo sfruttamento degli alieni e la loro ghettizzazione per impadronirsi delle loro tecnologie militari, ammantando il tutto o con le giustificazioni sulla ‘sicurezza’ oppure con il razzismo più o meno strisciante).

      Spero di aver risolto i tuoi dubbi o di aver suggerito nuove repliche; grazie per l’attenzione e buona giornata :)

      Luca Ghirimoldi

  2. Grazie a te per i chiarimenti.

    – Fantascienza. Ovviamente tutto dipende dal significato di fantascienza dal quale partiamo. Per quanto riguarda il linguaggio filmico, con il termine “fantascienza” (parlo, ovviamente, di uno sguardo non da profano) si fa riferimento alla produzione “classica” (prima degli anni ’70, per intendersi) e a tutti i film successivi che ne hanno colto l’essenziale, come ad es. Solaris, e da ultimo (in misura assai più blanda) Moon (o District 9 o Children of men, ecc. ). Nel linguaggio “comune”, invece, con il termine fantascienza si fa riferimento anche a film come “Star Trek” (2009), che sono magari ottimi, ottimi film, ma d’azione o, tutt’al più, d’avventura. Nei film d’azione ambientati nel futuro, la nave spaziale è uno SFONDO, mentre nella fantascienza la nave spaziale è il CONTESTO: questo è sempre stato il canone, e rimane il canone. Le differenze fra i due generi sono immediatamente percepibili a livello tecnico: per es., si pensi alle stanche (e tuttavia, eccezionali) sequenze di “2001”, rispetto al frenetico montaggio, anch’esso molto gradevole, dei minuti iniziali di “Star Trek” (2009). Da questo punto di vista, District 9 si distingue tutt’al più per possedere elementi di un film di fantascienza (mediocre) in senso classico, ed essere tuttavia girato con una tecnica che è sostanzialmente quella di Arma Letale. E’ po’ come dire che Turtledove è la regola e P.K. Dick è l’eccezione. Diciamo piuttosto che Dick è fantascienza è Turtledove lo tieni vicino alla tazza del cesso, per quei momenti lì.

    – Slapstick comedy. Probabilmente abbiamo un senso dell’umorismo differente; diciamo che il gamberone che scivola lo vedo un po’ come un tossico extracomunitario che inciampa scendendo le scale della metro. Ergo, SEI UNA BRUTTA PERSONA (no, qua scherzo). Direi che, sul piano della sostanza, avrei sottolineato che siamo più sulla blackface. :)

    – “Embedded (1778) (from em- + bed. Originally a geological term, in reference to fossils in rock; figurative sense is from 1835”. Di qui il significato sostanzialmente peggiorativo, che sta ad indicare un giornalista, che, appunto, è incorporato (melius, “fossilizzato”) nell’esercito e NON vede la realtà, né tanto meno il fronte, se non la versione edulcorata che gli è propinata dalla propaganda militare. Quindi il significato è il CONTRARIO di ciò che ritieni che il film stia veicolando, e cioè “l’idea della cronaca a stretto contatto”. Sul punto, torno a ripetere, la cronaca “a stretto contatto” è la cosa più lontana dal “linguaggio televisivo” (in senso lato o stretto che sia), che esiste; non solo ideologicamente, ma anche tecnicamente: se giri “Ciao Darwin” con la camera a mano il giorno dopo si presenta l’inserzionista e senza salutarti ti invita gentilmente a metterti a bocconi sul tavolo grosso delle riunioni, cosicché lui possa personalmente e senza troppi sforzi infilarti un braccio in culo (perdona l’espressione triviale).

    – Spirale onnivora. Ecco, invece secondo me il tema del film è molto semplice: l’Apartheid sudafricano, con gli annessi e connessi del caso, visto dal punto di vista dell’afrikaner medio (la banalità del male). Il film è mediocre (senza essere brutto) perché: a) il tema non è nuovo; b) non vedo picchi tecnici, camera a mano per camera a mano MOLTO meglio questo http://youtu.be/MXUZ__bBuXM . Che poi come tutti i razzismi, bla bla bla, valore universale del messaggio, bla bla, il diverso, bla bla. :)

  3. Edit: preciso “se giri “Ciao Darwin” con la camera a mano” ==> “se giri “Ciao Darwin” con la camera a mano nel modo in cui è girato District 9”

    • Grazie ancora per le (dettagliatissime) precisazioni, Alberto; chiaro che su certe cose la pensiamo in maniera differente (e va benissimo!), e che su altre non ho approfondito la mia analisi fin dove l’hai fatto tu.
      Su “embedded” (dicevo appunto che mi ero spiegato poco e male…) volevo appunto richiamarmi a una cronaca parziale e di parte (si veda il riutilizzo fittizio dei filmati della MNU), ma anche qui la tua puntualizzazione/critica è assai utile ed apprezzata.

      Se ti va, continua pure a leggere la Balena: magari un giorno recensiamo qualcosa che ti piace :) (escluderei “Ciao Darwin, però…)

      Luca Ghirimoldi

  4. A me District 9 è piaciuto (anche se non è un capolavoro); non mi è piaciuta la recensione. Su “Ciao Darwin”, invece, mi rifaccio a Darwin: è sempre interessante, anche dagli alti scranni, “spargere un po’ di luce sulla Variazione”. Non troppa però

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: